· 

VIAGGIO: WEEK END SULLO STELVIO

di Matteo Iannaccone

La Statale 38 che lo attraversa collegando la Valtellina alla provincia di Bolzano, ma anche all'Engadina, è capace di regalare emozioni, salendo lentamente da Bormio e portando direttamente ai ghiacciai: 22 chilometri fino a quota 2758. Merito dell'ingegnere Carlo Donegani, che la ideò e la fece realizzare in meno di cinque anni: dal 1820 al 1825. Definita da un recente sondaggio la seconda al mondo per spettacolarità, la strada che attraversa lo Stelvio è stata teatro nella storia di grandi battaglie e oggi lo è di importanti corse a piedi o in bicicletta, una su tutte il Giro d'Italia. Il Passo dello Stelvio diede avvio al turismo invernale in Alta Valtellina, e oggi si presenta in tutta la sua importanza a livello internazionale per lo sci estivo: da maggio a fine ottobre, i ghiacciai del Livrio, della Geister e della Nagler offrono l'opportunità di sciare in sicurezza lungo estese piste di qualsiasi difficoltà e moderni alberghi sanno accogliere i viaggiatori con eleganza.

COSA VEDERE


PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO

Il sito ufficiale del Parco Nazionale dello Stelvio in una delle sue pagine principali afferma “il Parco esiste per essere visitato”. E’ una affermazione così semplice e netta che non lascia spazio a scuse. Va organizzata una gita nel Parco Nazionale dello Stelvio, anche perché la sua non indifferente estensione gli permette di non annoiare mai.

 

Una occhiata alla mappa o a una guida e ci si accorge subito che possiamo trovarvi tutti gli itinerari possibili, naturalistici, storici, paesaggistici. E adatti ad ogni tipo di visitatore, dal più esperto al più inesperto, dal più atletico, al pigrissimo turista trascinato nel Parco Nazionale dello Stelvio dalla fidanzata, dall'amico o da qualche parente green.

 

Ogni percorso ci porta a spasso tra paesi, valli, montagne a caccia di scorci da inquadrare con lo sguardo, godere con il cuore e immortalare con la macchina fotografica o lo smartphone. Non è una meta solo estiva, inoltre, il Parco Nazionale dello Stelvio, in inverno soprattutto per chi ama lo sci escursionismo e lo sci alpinismo, fornisce diverse proposte allettanti.

 

Anche chi resta più volentieri a fondovalle ha tante possibilità per passeggiare nella natura tra panorami stupendi, incontrando flora e fauna protette. Il Consorzio del Parco Nazionale dello Stelvio in collaborazione con le Guide Alpine convenzionate, organizza escursioni a carattere naturalistico, a pagamento, con tariffe che variano con la tipologia e la durata.


DOVE MANGIARE


RISTORANTE TIBET

Tipica cucina sudtirolese e valtellinese...

Qui il visitatore può godersi la vista spettacolare e unica del Massiccio dell’Ortles e della leggendaria strada dello Stelvio, ma non solo… qui potrà anche gustare piatti tradizionali della cucina sudtirolese e valtellinese. Tipicamente sudtirolesi sono il goloso “Kaiserschmarrn”, lo strudel di mele, il saporito gulasch con canederli allo speck, canederli al formaggio, agli spinaci o ai funghi, piatti a base di gallinacci e porcini… Valtellinesi sono invece la bresaola, i pizzoccheri (pasta di grano saraceno con verza, patate e formaggio fuso), piatti di polenta, salsiccia… non c’è che l’imbarazzo della scelta al rifugio Tibet!


DOVE DORMIRE


HOTEL FOLGORE

Il Nome dell'Albergo Folgore e della Scuola Sci,nasce da un Gruppo di appasionati della Montagna,appartenenti alCAI Bormio che anni fa,diedero impulso all'Alpinismo e alloSci Alpinismo nel Gruppo Ortles Cevedale.

Il Passo dello Stelvio divenne il loro Centro Operativo principale, il Rifugio fu rinnovato in Albergo e la sua gestione e la direzione affidate all'esperienza della Famiglia Rizzi.



ALBERGO QUARTO PIROVANO

  

L’hotel Pirovano Quarto si trova nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio, ad un’altitudine di 2760 metri sul livello del mare. Circondato da vette altissime e imponenti ghiacciai, a cavallo tra Lombardia, Svizzera e Trentino Alto Adige è luogo d’incontro tra culture e tradizioni, anche eno-gastronomiche. Facilmente riconoscibile per le sue imponenti e singolari linee architettoniche, che ben si inseriscono nel circostante contesto d’alta montagna, l’hotel Pirovano Quarto dista meno di 50 metri dalla funivia per il ghiacciaio ed è la struttura ideale per sciatori e turisti che soggiornano al Passo dello Stelvio.



HOTEL GENZIANA

La struttura, risalente ai primi del '900, è stata recentemente ristrutturata, ma conserva ancora le caratteristiche delle antiche construzioni montane in sasso. 

Durante il vostro soggiorno potrete raggiungere facilmente le vallate e i paesi che coronano le piste poste sul ghiacciaio dell'Ortles. Luoghi che fanno parte del Parco Nazionale dello Stelvio e del contiguo Parco Nazionale Svizzero dell'Engadina. Potrete godere di affascinanti escursioni a piedi o raggiungere in auto Bormio, Prato allo Stelvio e la pittoresca Val Monastero. La suggestione delle splendide Alpi vi conquistera' e rendera' la vostra vacanza un momento di vero incontro con la natura.



Scrivi commento

Commenti: 0